Ferrata: Il cammino del team

Il cammino del team

FERRATA: che cos’è?

Per dare una corretta definizione e spiegazione di cos’è una Ferrata non si sbaglia mai se si chiede a Wikipedia, l’enciclopedia online per antonomasia.

Per comodità riportiamo da definizione che indica:

Una via ferrata è un insieme di strutture e attrezzature realizzate artificialmente su una parete rocciosa per facilitarne la salita in sicurezza in un percorso escursionistico/alpinistico; tale azione, senza la presenza e l’utilizzo delle strutture artificiali, necessiterebbe, per la progressione, della conoscenza e dell’impiego di tecniche di arrampicata in cordata con attrezzature individuali alpinistiche o corpo libero.

Oltre a una definizione “tecnica” di che cos’è la Ferrata (o via ferrata) è interessante indicare il significato e l’utilizzo che il team building fa di questa attività.

IDEA E METAFORE

La ferrata è la metafora del cammino verso nuovi orizzonti, nuove visioni e una nuova prospettiva … dall’alto!

Un percorso nuovo, sfidante da affrontare in team, un obiettivo predefinito, raggiungibile solo attraverso la collaborazione e la comunicazione reciproca.

La montagna da sempre ispira nell’uomo fascino e rispetto, la voglia di sfida e di superare i propri limiti.

Il percorso che si svolge in gruppo, permette di raggiungere un elevato coinvolgimento di tutto il team.

SVOLGIMENTO

In un ambiente molto suggestivo ed emozionante i team dovranno percorrere un tragitto montano ferrato.

In vari punti del percorso ci saranno ostacoli naturali da superare.

Tutti i componenti saranno legati da una corda, ognuno dovrà prestare molta attenzione a sé e al compagno che lo precede e lo segue.

Ogni passaggio, infatti, diviene obiettivo funzionale per il proprio fine e quello del team.

Il capofila scandirà i tempi e indirizzerà il gruppo nella scelta del percorso, questo ruolo non verrà definito in partenza ma sarà ricoperto a turno da tutti i partecipanti.

Nei nostri team building ci sono sempre presenti le guide alpine, uniche figure autorizzate a gestire queste attività.

IN CONCLUSIONE

Nei momenti di alto impatto emotivo e di fatica nel superamento di prove sfidanti, i componenti del team scopriranno come poter ampliare la propria mappa mentale e confrontarla con i propri compagni.

Vissuto, emozioni, obiettivi incominciano a fare parte del “condiviso” e quindi a creare senso del team e complicità tra i partecipanti.

Un attività assolutamente all’insegna del teamwork, della relazione della conoscenza reciproca, della gestione dell’imprevisto e del lavoro per obiettivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.